Spotlight: Yojiro Kake

2015 Pitti Super Milano tradeshow team left Oka HuiYun Lin - sarta2015 Chisato Shibata - Yojiro - intern2015 Ryota Sakai

Yojiro in the center with his assistants

YOJIRO KAKE is a fashion label based in Florence, Italy. Passionate about western menswear, Yojiro applies tailoring techniques to all collections. He also loves rich volume and detailed decoration, and is always seeking visual impact. Mixing fresh ideas, the garments are full of surprises. Just like the dreams of children – romantic innocence and ephemeral anxiety, the mood of YOJIRO KAKE illustrates a story to express those wordless scenes.

We recently had the chance to visit Yojiro Kake in his Florence studio to get a sneak peek at the new collection and a closer look at some of his extraordinarily intricate design techniques. His assistant Oka HuiYun Lin was kind enough to take a break from her busy schedule to answer some questions.

2016SS Peace in Origami white gown

Your new collection combines the techniques of Japanese origami with influences from Renaissance textiles. What elements of these textiles are you particularly drawn to? How did this concept develop into a collection?
For the 2016 collections, the Yojiro Kake label has been developing various western-style wearable garments using one-piece patterns based on origami techniques, from basic shirts to elegant gowns. We found this technique to be both iconic and hard to duplicate, and it exemplifies Yojiro’s ability for playful pattern-making. After working with this minimalist aesthetic for two seasons we are ready to mix things up in the upcoming collection by incorporating the fascinating historical Florentine richness into Japanese concepts.
There are countless elements borrowed from the Medici Family costumes, homewares, interiors, and art collections; there is a rich, heavier mood, and trimmings in gold, black, navy. Yojiro has gathered all those stunning sparkles and filtered the ideas into his designs. In general, he loves the collars from different eras of Medici costumes, as well as the shoulder and sleeve details. All the specific parts mentioned above will be transformed through origami techniques, transforming the history through Yojiro’s hands.

The patterns for this collection are extremely complex. How do you begin to map out the technical aspects of each piece?
Reflecting his research on the Medici Family, the ideas for the silhouettes are first drawn in rough sketches without depicting decorations or color palettes. After discussions and trials, Yojiro has a clearer idea of his direction, which is further inspired by the stunning Italian textiles he finds at the fabric manufacturer.

2015AW Shadows extralarge collar coat

For this collection you are also designing some of your own textiles through the use of collage. Can you tell us more about this process?
Yojiro always loves bold, colorful prints. Starting from the simple idea of using street posters here in Florence, the print is designed from a collage made of paper patches- from these piles and piles of posters stuck repeatedly to the walls under the sun and rain. The themes for the patterns imitate the floral, organic paintings found in of museums and palaces, and in the surrounding historical Florentine treasures. Yojiro is excited by the idea of transforming that greatness into his own personal language. In addition, inspired by one of the antique Florentine craft techniques of “pietre dure”, making mosaics out of hard or precious stones, the print on textiles will be trimmed with embroideries or artificial jewels.

There is such artistry in the design and construction of each piece, and many of them even seem sculptural in their volume. How do you find a balance between this aesthetic and a more ready-to-wear collection?
We believe that the last two Origami collections are a kind of training course for the label. Based on the feedback from buyers and guests, there are pros and cons of the ready-to-wear designs. The volume can be a luxurious way to acknowledge the refined and challenging pattern making, however, it is even more eye-catching if the designs are enriched with interesting silhouettes or lovely decorations. The visual impact of the Origami series can seem quite minimal, but we are aiming for a humble approach wrapped up with love-at-first-sight magic.

2012 Polimoda Graduation Show at Villa Favard

Some of the most notable elements in your work are the architectural and sculptural sensibilities, what or who are some of your design influences and inspirations
It is hard to say where the inspiration comes from. Usually Yojiro is inspired by things happening in his life or in movies.

How important is being in Florence for your brand? What are the challenges of being a designer here?
Yojiro has been in this postcard-like city for 6 years, first as a tourist from Asia, then as an undergraduate Fashion Design student at Polimoda, and now as a designer based right here with an officially registered label in Italy. In Florence Yojiro has soaked his soul in the “exotic” beauty, ancient Italian treasures, and delicious aperitivi of all kinds.
We are based here simply because we love this historical city. Additionally Yojiro has built a reputation with the boutiques and the suppliers – Florence is like his own kitchen to produce products he can be proud of with super fresh ingredients.
The challenge of living or working here as a designer is actually not related to the city itself, but to the identity of Yojiro as a foreigner. As a non-EU foreigner in Italy, to register a company, to apply for permission to stay, to apply for a work visa, each official document takes so many procedures to complete, followed by extra payment without any financial support program from Italian government or from his own country. Still, we have strong faith that it is worth it to be based in Florence. All we need to do is to face the difficulties with pride and hope.

It could be said that the Japanese are known for their incredible precision, patience, and attention to detail while the Italians are known for their creativity and craftsmanship. Do you find this to be accurate? How do these two cultures come together in your designs aside from the new collection?
In our opinion, Italian philosophy is about loving and living with passions and joy. It is a perfect country for Yojiro to construct his dream, he can build it freely using the craftsmanship gained from Japanese culture.

2016SS Peace in Origami shirt dress

On a more practical side, what advice would you give an emerging designer? What is the best way to get your work out there, and what platforms have been most helpful for you?
As a designer label, an atelier, and a sartoria, we ourselves are still learning from scratch about the market and industry. It’s one thing to obtain skills and originality, and it’s another to promote yourself and be promoted by talents or influencers within the fashion industry. However, the simplest way to keep a creative team alive is to be consistently enthusiastic during highs and lows, and to look into the bright future with faith.
In our opinion, online platforms are a helpful and easy way to begin, such as e-commerce sites like NotJustALabel.com, Pinkoi.com, or social media platforms. It depends on your target audience. NotJustALabel.com stands as a supporter of emerging designer labels. It is a shopping website, but the team works a lot to give exposure to creative artists – genuine concepts only. They have gained loyalty from both customers and designers worldwide; they also celebrate creativity by holding physical trade shows, competitions, collaborations and more. It is similar at Pinkoi.com, aimed at the Far East market.
Alternatively, participating in seasonal international fashion trade shows is the traditional way to gain orders, but the label may need to make a big investment to cover the costs. For our label, we have little experience with this, but these big shows offer contact with buyers and stockists, and offer lots of possibilities.

What is the future of fashion in Florence?
A never-ending source of originality and authenticity.

To know more about Yojiro Kake, click here.

 Abbiamo avuto la possibilità di andare a trovare Yojiro Kake nel suo atelier a Firenze, per vedere in anteprima la sua nuova collezione e per sapere di più sul suo brand eponimo. La sua assistente Oka HuiYun Lin ci ha gentilmente dedicato un po’ di tempo per rispondere alle nostre domande.

La nuova collezione unisce la tecnica degli origami giapponesi con le influenze dei tessuti rinascimentali. Quali elementi di questi tessuti vi attirano particolarmente? Come si è sviluppato questo concetto in una collezione di moda?
Per le collezioni del 2016, Yojiro Kake ha sviluppato diversi vestiti in uno stile occidentale usando dei cartamodelli fatti da un solo pezzo, basati sulle tecniche degli origami, dalle camicie semplici agli abiti eleganti. Non solo è diventato iconico del brand, l’uso di questo tipo di cartamodello, ma questa tecnica è anche difficile da replicare e mette chiaramente in mostra le capacità di Yojiro nel divertirsi e nel disegnare. Dopo aver lavorato con un’estetica minimalista per due stagioni siamo pronti a sperimentare nella nuova collezione, unendo elementi della ricchissima storia di tessuti fiorentini ai concetti giapponesi. Ci sono molti elementi presi dai costumi dei Medici, dagli oggetti di casa, dall’arredamento, e dall’arte; c’è un mood ricco e un po’ più pesante, con tocchi d’oro, nero, e blu marino. Yojiro ha preso elementi da tutta quella ricchezza storica e li ha filtrati attraverso i suoi disegni. In generale le piacciono i collari di diversi momenti storici della famiglia Medici e anche i dettagli sulle spalle e sulle maniche. Tutti gli elementi verranno trasformati in qualche modo con la tecnica degli origami, raccontando una nuova prospettiva sulla storia, attraverso le mani di Yojiro.

2014AW Rain in Eclipse bubble coat

I cartamodelli per questa collezione sono estremamente complessi. Da dove parte l’aspetto tecnico del design di ogni pezzo?
Di seguito alla ricerca sui Medici, le idee per la silhouette sono state prima disegnate in una serie di abbozzi, senza pensare agli elementi decorativi o ai colori. Dopo le prove e dopo averne parlato insieme, Yojiro ha scelto una direzione per ogni pezzo, che verrà arricchita ancora di più dall’ispirazione che troverà nella ricerca dei tessuti.

Per questa collezione disegna anche le fantasie per alcuni dei tessuti con la tecnica del collage. Come funziona?
A Yojiro piacciono sempre i colori accesi e le fantasie decise. Partendo dall’idea di usare i poster e i manifesti presi dalle strade di Firenze, Yojiro ha fatto un collage con dei piccoli pezzi di carta trovata. I temi delle fantasie riflettono i dipinti floreali che si trovano nei musei e nei palazzi storici, e anche in tutti gli altri tesori che li circondano. Yijiro si diverte con l’idea di trasformare tutta quella ricchezza con questa tecnica di collage attraverso un suo linguaggio. Ispirato anche dalla lavorazione storica delle pietre dure, le fantasie per i tessuti saranno completate con il ricamo o le pietre preziose artificiali.

PHOTO © 2015 TEAM PETER STIGTER - FOR EDITORIAL USE ONLY - WITH CREDITSAlcuni dei pezzi sembrano quasi scultoreale grazie ai loro volumi esagerati. Come trova l’equilibrio fra questa estetica e un approccio più accessibile, ready-to-wear?
Crediamo che le collezioni Origami più recenti sono una specie di prova per il brand. In base ai feedback dei nostri buyers e di altre persone capiamo che ci sono vantaggi e svantaggi del ready-to-wear. Il volume può essere un modo lussuoso di mostrare la raffinatezza e la difficoltà della preparazione del cartamodello stesso, però colpisce ancora di più se i vestiti sono arrichiti di silhouette interessanti o di decorazioni. L’impatto visivo delle collezioni Origami può sembrare piuttosto minimale, ma l’obbiettivo è sempre quello di avere un approccio umile che regala la sensazione di un’amore a prima vista.

E’ difficile dire da dove viene l’ispirazione. Di solito Yojiro si ispira a degli eventi della sua vita o a dei film.

DSC_2675

Quanto è importante per il brand avere la base a Firenze? Quali sono le difficoltà di fare il designer qui?
Yojiro abita in questa città-cartolina da sei anni, prima come turista proveniente da Asia, poi come studente di Fashion Design al Polimoda, e ora come designer di una marca registrata a Firenze. Yojiro ha assorbito la bellezza “esotica”, I tesori antichi, e gli aperitivi di ogni tipo di questa città e li ha trasferiti nel brand. Abbiamo la base qui semplicimente perché ci piace la città e la sua storia. In più Yojiro ha construito un rapporto di fiducia con delle boutiques e dei fornitori – Firenze è come la sua cucina dove può prepararsi dei piatti freschissimi di cui può andare fiero.
Le difficoltà a vivere o a lavorare qui non sono dovute proprio alla città in sé, ma al fatto di essere straniero. Come straniero, fuori dall’EU, ogni aspetto burocratico è più complicato: dal registrare il marchio, ad ottenere un permesso di soggiorno, ad avere un visto per il lavoro. In più si deve fare tutto senza sostegni economici, né dal governo italiano, né dal governo giapponese. Nonostante questo, siamo fiduciosi che vale la pena rimanere qua. Dobbiamo affrontare le difficoltà con speranza e orgoglio.

FASHIONCLASH 2014

FASHIONCLASH 2014

Si potrebbe dire che i giapponesi sono conosciuti per la loro precisione ammirabile, la pazienza, e l’attenzione al dettaglio, mentre gli italiani sono conosciuti per la loro creatività nelle tecniche artigianali. Credi sia giusta questa valutazione? Oltre alla collezione nuova, come si uniscono queste due culture nel brand?
Secondo noi, la filosofia italiana è quella di amare e vivere con passione, speranza e gioia. E’ il paese perfetto per Yojiro per costruire il suo sogno. Lo può costruire insieme alle doti prese dalla cultura giapponese.

Al livello pratico, quali consigli daresti ad un designer emergente? Quali sono i canali migliori per far vedere il lavoro, e quali piattaforme sono state più efficaci per voi?
Come fashion brand, atelier, e sartoria stiamo ancora imparando anche noi come trovare la nostra strada nel settore. Un conto è imparare le tecniche e sviluppare la propria originalità, un altro è promuoversi e sapersi far promuovere dai talenti o dagli influencers del mondo della moda. Comunque, il modo più semplice per tenere viva una squadra è di essere sempre entusiasti nonostante gli alti e bassi, e di affrontare il futuro con fiducia.
Secondo noi, le piattoforme on-line sono un buon modo per iniziare, come NotJustALabel.com, Pinkoi.com, o sui social media. Dipende molto dal target. NotJustALabel.com sostiene i designer emergenti. E’ un e-commerce, ma la loro squadra lavora molto nella promozione dei nuovi labels a stretto contatto con creativi eccezionali. In questo modo hanno guadagnato la fiducia dei clienti e designers in tutto il mondo. Promuovono i designers attraverso fiere, concorsi, collaborazioni e altro. Pinkoi.com è simile, ma è rivolto al mercato dell’est.
Oltre a questi canali le mostre internazionali di moda sono la strada tradizionale per ottenere clienti e buyers, ma bisogna fare un grande investimento per coprire i costi. Come brand abbiamo poca esperienza in questo, ma queste grandi mostre offrono contatti con i buyers oltre a molte altre possibilità.

Yojiro

Quale è il futuro della moda a Firenze?
E’ una fonte infinita di originalità e autenticità.

Per sapere di più su Yojrio Kake, clicca qui.

Categories: Uncategorized

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s