Spotlight: Paula del Mas and *Ink different

PortraitFor this series of Spotlight Interviews we’ll be introducing our Creative People in Florence/Florence Design Week Team!  Creative People in Florence is working with a fantastic group of talented designers and artists to produce an exciting series of events for Florence Design Week (May 27-31).

Paula Del Mas is an Argentinian designer based in Florence. She grew up in Buenos Aires were she studied architecture and moved to Barcelona to pursue her career after graduation. Since 2011 she has lived in Florence where she has expanded her professional background in the field of graphic design. Her work spans editorial, branding, web design and letterpress printing, and any medium she can get her hands on. She currently works for the communication agency Adacto.

Paula Del Mas, argentina, lavora come graphic designer a Firenze.  E’ cresciuta a Buenos Aires dove ha studiato architettura.  Dopo la laurea si è trasferita a Barcellona dove ha continuato il suo percorso lavorativo in diversi studi di architettura e urbanistica. Dal 2011 abita a Firenze dove si è specializzata in disegno grafico.  Si occupa di editoria, branding, web design, e tipografia.  Attualmente lavora per l’agenzia di comunicazione Adacto.

collage_projects_2 (1)

How would you describe your relationship with Florence? I’ve lived in Florence for almost 4 years and I enjoy its beautiful streets, the art and the good food, but it wasn’t easy at the beginning. I had some rough times working in jobs I didn’t like. I was also doing some freelance projects and studying. Let just say that I didn’t have much free time to enjoy the city, but I persevered and I made my way through. This period of my life taught me a lot personally and professionally. Little by little Florence has become my home. I read somewhere that the choices you make shape you. I don’t think I would have become a graphic designer if I hadn’t come to Florence.

Before becoming a graphic designer you were an architect. Do you still see architecture in your design style? In one way or another I think that all the years of university and work experience as an architect influence my design. Maybe not so much in the style but in the way I process, think and elaborate concepts. Now I am really focused on my career as a graphic designer. Architecture brought me knowledge that I am happy to have, but it is not a priority anymore. At this moment, the most important thing for me is to work hard to develop my personal style. All the same, I never close any doors, and I am always open to new projects — mixing architecture with graphic design seems like a great idea to me.

Which aspect of your work gives you the most satisfaction? I really enjoy the creative process, but if I had to choose the most satisfying moment it would be when after sketching ideas, writing, assembling and disassembling thoughts, I finally get what I was looking for: a logo, a color, a curve in a font or just the right photography for a website… When I hear myself saying “I love it!”, I know I did a good job. Of course the next most satisfying moment is when I see my client happy.

How important is collaboration with other artists and creative people? What do you look for in a potential creative collaborator? Collaborating with other creative people is a must. It allows you to think outside your boundaries, because you don’t limit yourself and your skills. I enjoy sharing thoughts with artists coming from other areas like video, writing or visual arts. This is also what makes *Ink different an interesting project for me, since I’m collaborating with a writer and an engraver.

Tell us about *Ink different. *Ink different is a printing project that began last year, founded by three free spirits: writer Mathieu David, engraver Nino Triolo, and myself. We create prints using mostly hand set wood and metal type. The idea is to express new perspectives on everyday life. We play with words, thoughts and images to bring more imagination in the daily routine. We make prints that make you think differently. logo_ink_different

What can we expect from you for Florence Design Week? Our project is named Rebel Cities. The beginning of the 21-century has been significantly characterized by the emergence of social movements around the world, and we think that it’s important and interesting to highlight the phenomenon. We’ve created a project composed of 3 posters, in a triptych, printed by hand. The first one will be titled À Contre courant, and will represent the concept of going against the flow. The second one will be called Le Città ribelli and will be a montage of most of the names of the cities that have rebelled in the first quarter of this century. The third one, We take the castle at midnight, will represent the town hall of Florence, the Palazzo Vecchio, as a symbol of power and history. For the designs, you’ll have to come and see them!

How do you begin a project? Can you tell us about how a project takes shape? It’s not easy to give you a straight answer. That really depends, there’s not “one” way to begin a project. The ideas can come from everywhere, sketching on paper in the train going to the agency or discussing with a colleague or a friend, and of course surfing on the internet. I get inspiration looking at the work of other designers, artist or photographers like, Noma Bar, Malika Favre, Abbott Miller, M.C. Escher, Deborah Turbeville…I think it’s important to understand the essence of a project, and its philosophy before beginning to design. What does the client need exactly? Or if I am working on a personal project like *Ink different the important thing is to focus on what we really want to say. Only then do I start designing and shaping the idea on the computer.

Are there any other plans or projects coming up that you want to share with the group? I have plenty of ideas for the future… first of all, more prints for sure! Developing  *Ink different is one of many important things to focus on. Currently we are looking forward to collaborating with magazines or other editorial projects, and it would be also nice to print our designs on textiles. We’ll see!

For more of Paula’s work, visit click here.

Come descriveresti il tuo rapporto con Firenze? Vivo a Firenze da quasi 4 anni, e di questa città mi piacciono tante cose: le strade bellissime, l’arte, la cucina, ma non è stato facile all’inizio. Ho attraversato momenti difficili e ho fatto dei lavori che non mi piacevano, spesso ho lavorato da freelancer mentro studiavo. Diciamo che non ho sempre avuto tempo di godermi la città. Comunque ho perseverato e sono riuscita ad andare avanti. Questo periodo della vita mi ha insegnato molto sia al livello personale che a livello professionale. Piano piano Firenze è diventata la mia casa. Ho letto da qualche parte che le scelte che fai ti formano. Non credo che sarei diventata un graphic designer se non fossi venuta a Firenze.

Prima di fare la grafica facevi l’architetto. Vedi ancora l’architettura nel tuo stile da designer? In un modo o nell’altro credo che tutti gli anni universitari e gli anni di lavoro come architetto, hanno influenzato il mio approccio da designer. Forse non proprio nello stile, ma nel mio modo di pensare ed elaborare le idee. L’architettura mi ha insegnato molto, ma non è più la mia priorità. In questo momento la cosa più importante è lavorare tanto e sviluppare il mio stile personale. Nello stesso tempo però non precludo niente, sono sempre aperta a nuovi progetti – mescolare architettura e grafica potrebbe essere un’ottima idea.

Qual’è l’aspetto del tuo lavoro che ti dà più soddisfazione? Mi piace molto tutto il processo creativo, ma se dovessi scegliere un momento sarebbe quello quando dopo aver fatto ricerca, schizzi e prove finalmente trovo quello che stavo cercando… un logo, un colore, la curva perfetta di un carattere. Quando mi trovo a dire a me stessa “ecco… mi piace”, so che ho fatto un buon lavoro. Chiaramente l’altro momento è quando mi confronto con il cliente e anche lui dice “mi piace!”.

Per te quant’è importante la collaborazione con altri creativi o artisti? Cosa cerchi in un potenziale collaboratore creativo? Collaborare con altri creativi è fondamentale. Ti permette di pensare oltre i tuoi limiti e le tue capacità. Mi piace condividere idee con artisti di altri settori come il  video, la scrittura, o le arti visive. Questo scambio è ciò che rende interessante il progetto di *Ink different, dove collaboro attivamente insieme ad uno scrittore e ad un incisore.

PauladelMas_working_with_nino

Ci racconti un po’ di *Ink different? *Ink different è un progetto di stampa tipografica nato l’anno scorso da un’idea di Mathieu David scrittore,  Nino Triolo incisore, e io. Insieme creiamo stampe con dei caratteri mobili in legno e metallo.  L’idea di fondo è quella di esprimere nuove prospettive sulla vita di tutti giorni. Giochiamo con le parole, i pensieri, e le immagini per portare un po’ di fantasia nella routine, per creare delle stampe che fanno pensare in un modo diverso.

Cosa ci aspettiamo da te per la settimana di Design Week? Il nostro progetto si chiama Rebel Cities. L’inizio del ventunesimo secolo si caratterizza per l’emergenza di molti movimenti sociali in tutto il mondo, e crediamo sia importante e interessante sottolineare questa tendenza. Abbiamo creato un trittico di posters stampati a mano. Il primo si intitola À Contre courant e rappresenta il concetto di andare contro corrente. Il secondo si chiama Le Città ribelli ed è un montaggio di nomi di quasi tutte le citta’ che si sono ribellate nella prima parte del secolo scorso. Il terzo, We take the castle at midnight, rappresenta la sede del Comune di Firenze, Palazzo Vecchio, come simbolo del potere e della storia. Per i disegni, dovrete venire a vederli!

Come inizi un progetto? Raccontaci un po’ come nasce un tuo lavoro? Non è facile rispondere a questa domanda. Dipende, non penso ci sia un solo modo di iniziare un progetto. Le idee possono arrivare da qualsiasi cosa, facendo un disegno in treno, parlando con i colleghi di lavoro o con gli amici, ma anche attraverso Internet chiaramente. Mi ispira il lavoro degli altri designers, artisti e fotografi come Noma Bar, Malika Favre, Abbott Miller, M.C.Escher, Deborah Turbeville ecc.. Credo sia importante capire l’essenza e la filosofia di un progetto prima di cominciare con il disegno, e di cosa ha bisogno esattamente il cliente. Se invece sto facendo un progetto personale come con *Ink different, la cosa più importante da capire veramente è cosa voglio dire. Solo allora inizio a lavorare sulla progettazione e sul design al computer.

Ci sono altri progetti o programmi per il futuro che vuoi condividere con il gruppo? Ho tante idee per il futuro, prima di tutto vorrei fare piu’ stampe e poi anche sviluppare ulteriormente *Ink different. Attualmente stiamo cercando collaborazioni con riviste o altri progetti editoriali, ma sarebbe bello fare delle stampe anche sul tessuto. Vediamo!

posters (1)

1 reply »

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s