Steven Music

Steven.Music

For this Spotlight interview we spoke with founder of Celeste Network and Celeste Prize Steven Music about the challenges facing emerging artists and the state of contemporary art today.

Per questo Spotlight, parliamo con il fondatore del Celeste Network e del Celeste Prize Steven Music delle difficoltà di essere un artista emergente e dello stato di arte contemporanea oggi.

 

 

 

How would you describe your relationship with Florence?

I live in Certaldo about 50 km from Florence. I’ve grown to appreciate Florence as a city and as an open book on some important periods of our cultural history. But I can’t say that I’m in love, rather I have a practical, working relationship, being a place where I meet friends and contacts. It’s very frustrating to watch so many young artists simply move away from the city after their studies. While I understand the reasons, the city authorities could do much more to attract and develop the careers of emerging artists. Young artists are a resource which could give vital lymph to the city’s scene, it should acknowledge this, instead of focusing on easier or more obvious cultural goals.

From your start in political science and journalism how did you eventually move towards the arts sector? Had you always been involved in the arts, or was there a certain turn of events that led you to open a contemporary art gallery, and later to launch an art prize?

I have always been interested in the visual arts. I was born in Rome and from a very early age I was fortunate to be surrounded by amazing things to see and do. As a teenager I wrote a guide to the city’s 18th century sites and works, imagining tours of the city in that era. My degree in politics and the years that followed as a journalist were exciting and rewarding. But when I met my future wife, a painter, and after the loss of my father and brother, I took the opportunity to radically re-steer my life and career towards my longstanding interest in the arts. Founding L’Albero Celeste Gallery in San Gimignano in 2001 was the first step, but after a few years my wife and I separated. Celeste Prize began in 2004 while I ran the gallery. The prize was a robust effort to create a prize with a difference (see question below for details). I couldn’t bear to listen to artists complaining about the way in which art prizes were run, and I needed to meet new artists. More importantly, I understood that the internet was going to change everything. With this in mind, I decided to base the workings of my new prize on participation and the global publication of prize works and their promotion, as well giving finalist artists a say in who wins the awards.

I (Anna) am speaking for myself, but I think also for many other emerging artists when I say that I am aware of how important an internet/social media presence can be, but that I’m a little wary of putting my work on the web and a little uncomfortable about self-promotion. Are there certain channels or strategies that you would suggest (or advise against) over others?

I think having a good, working relationship with social media and getting to know the different ways in which you can communicate your work on internet are essential today. Of course there is always space for your genius and luck, but to think that you don’t need to be present online, I feel would be wrong. That doesn’t mean you have to go flat-out and spend hours on internet to achieve results. Instead, I would suggest first reflecting on what your communication strengths and weaknesses are. Then connect your qualities to what your aims are. Research and find the contacts which fit this bill, as well as the most appropriate places to exhibit your work based on the content of your artwork; carefully approach art curators and gallerists on the basis of mutual interests and try to gauge whether they are sincerely willing to invest their time and money in you. In the meantime, you should learn to ‘show your work’ in social media, and this should be done in the measure of your skills. For example, if you like writing, you could concentrate on a blog or making textual comments about your work and other people’s work (don’t just talk or comment about yourself). It’s important for your practice’s development to receive good feedback on your work. To achieve this you must be the first to put yourself out by ‘talking’, making the occasions online ‘happen’, be open-ended in your discussions (yes/no discussions go nowhere), the good arc of this practice will in time turn in your favour if you can elicit from your commentators honest and detailed responses to your art. If instead, you like making videos you could prepare and post videos which highlight the content of your work (for example, record exhibitions, people, impromptu interviews, discussion on details, connect your work with that in related events, etc, without being boring, too long-winded and always to the point). Going livestream or becoming a Vlogger might be too ambitious, but it might work for you. These are some of the ways in which being social on internet will get people to respond to you (and therefore provide career leads for you to reflect on and act), but you have to be prepared to follow through by giving up some of your time and patience.

I don’t think it’s a reasonable proposition to expect people to get interested in your work if you are not prepared to publish images of your work. Don’t be afraid of copycats, this is an eclectic era which thrives on revisiting past and present work. And in any case, if you are an inspired artist you don’t need to watch over your shoulders, as you are always ahead anyway! Most websites allow you to publish in low res, if you feel this is important. Keep dates of your work public by publishing them in social media this also provides a basis for dating your work which could be recognised in a court if, G-forbid, you choose to pursue poachers in the courts.

tabu4-1280X407

What would you say is the biggest mistake artists make when approaching a gallery or presenting their work for a prize?

Not assessing well enough the personality of the gallerist or whether your artwork is in line with the gallery’s direction or aesthetic interests. To know these and act accordingly is crucial, no one wants to waste time. I suppose the same can be said for works being submitted to an art prize: not enough attention is paid to the actual interests of the jury. There is an intelligent path to understanding what the upcoming frontiers of a juror’s work might be, analyze his or her past interests by looking at the themes, artists, media, curating approaches, and see if your work coincides.

Since launching the Celeste Network in 2007, and the Celeste Prize in 2009 are there any particular trends or themes that you’ve seen emerge in the vast amounts of contemporary art that you come across?

I’m still amazed at the rapid and tumultuous way in which artists take up themes, the interesting ways in which they use all artistic media available and how these works are presented. This is partly due to the huge amounts of knowledge and easy-access artists now have to documentation and images. And of course, advances in technology are adding new media and ways of expressing oneself. The next revolution in data-manipulation in photography is about to mark the end of straight-photography as we have known it, and this will create a massive wave of image-making in planes and manners we have not seen to date. In general, I think artists are moving away from purely aesthetic approaches, resolved in an object. They are moving on from the idea that an artist should leave a kind of authorial (recognisable) signature in his or her work, to a more discursive and dialoguing approach which is directly connected often to the analysis of social, political or psychological issues – therefore we see much media or performance-related work, multi-disciplinary formats presented as one work or project, documentary style artwork and participatory practices or expressions of work made over time periods.

Have there been any stand-out pieces that have really left an impression on you since starting the Celeste Network?

Some one to Love by Cristina Nunez, winner of Celeste Prize 2012, Video section. http://www.celesteprize.com/artwork/ido:149467/

How is the Celeste Prize different from other art prizes? Tell us about the philosophy and motivation behind the prize.

Celeste Prize combines in a unique way a two-tier selection process, which separates roles and brings legitimacy, openness and participation. Firstly, top art curators in the jury select shortlisted artists, thereby guaranteeing with their choices quality contemporary art. In the second stage, curators are invited to step aside and the very shortlisted artists vote the prize money. This may seem banal, but top art prizes in which quality work is seen have traditionally been associated with invite only participation, while Celeste Prize is an open call in which the finalist artists decide the winners. Further, participants know that their work is viewed by talent scouts worldwide and is strongly promoted in Celeste Network, one of the largest online communities for visual artists in the world.

I (Sara) have heard people say many times that they don’t like contemporary art, what is your response to that? Why do you think that contemporary art is important?

Without contemporary art we have no visual sense of the emotions roused by universal issues nor of how to understand them and ourselves.

Just like any other art movement, today’s contemporary art will one day become art history; what will be said about this particular movement? And who are the artists whose names will be remembered?

I feel there are very few art movements as such today, if by them we mean a coordinated grouping of individuals reflecting in their work a common vision of art and its objectives. Instead, we have large swathes of people working, independently as artists in many media, all dialoguing with different subjects. Also, I note there are many highly considered artists who put social and political issues at the fore of their work, often presenting work in statistical, written, narrated or participatory forms, which pay very little attention to the development of a contemporary aesthetic form. I think any artwork which is produced merits to be remembered. I firmly believe nothing is useless as it has its very own raison dêtre. The difficulty for art lovers is often in being able to connect and appreciate a particular artwork. Much artwork can be banal to many (most) people (but not all). But here lies the rub as far as what will remain in art history: contemporary art remains in its highest echelons an elitist affair of notion, of thought, of community and of market (whatever the quality of the artwork).

Are there any other projects or thoughts you’d like to share with the group?

Please let me know what’s your ideal art prize. Write me here steven@celesteprize.com

LINKS
Celeste Network
Celeste Prize

 

Come discriveresti il tuo rapporto con Firenze?

Vivo a Certaldo, circa 50 km da Firenze. Sono cresciuto apprezzando Firenze come città e per il suo essere un libro aperto su certi importanti periodi storico-culturali. Ma non posso dire di esserne innamorato, piuttosto ho con la città un rapporto pratico, lavorativo in quanto è lì che incontro amici e contatti. E’ molto frustrante vedere tanti giovani artisti andarsene subito dopo aver terminato i loro studi. Pur comprendendone i motivi, credo che chi governa questa città dovrebbe fare di più per attrarre e favorire lo sviluppo della carriera degli artisti emergenti. I giovani artisti sono una risorsa che potrebbe portare nuova linfa alla scena fiorentina, ma le autorità sembrano disinteressate ad occuparsene, preferendo focalizzare su obiettivi più facili e scontati.celeste013_logo_LT_01

Dai tuoi inizi nel settore delle scienze politiche e nel giornalismo, come ti sei trovato nel campo artistico? Sei sempre stato interessato all’arte contemporanea, o c’è stato un motivo particolare che ti ha spinto ad aprire una galleria d’arte, e poi successivamente a fondare un premio d’arte?

Sono sempre stato interessato alle arti visive. Sono nato a Roma e fin dalla tenerà età ho avuto la fortuna di essere circondato da cose straordinarie da vedere e da fare. Nell’adolescenza ho scritto una guida sui siti e le opere del XVIII secolo immaginando i tours della città in quel periodo. La mia laurea in Scienze Politiche e gli anni che sono seguiti come giornalista sono stati stimolanti e gratificanti. Ma quando ho conosciuto la mia futura moglie, pittrice, e dopo la perdita di mio padre e di mio fratello ho sentito di dover dare una svolta alla mia vita e alla mia carriera seguendo l’interesse primario che avevo per l’arte. Fondare la galleria Albero Celeste a San Gimignano nel 2001 è stato il primo passo, ma dopo pochi anni io e mia moglie ci siamo separati. Celeste Prize è iniziato nel 2004 mentre mi occupavo della galleria. E’ stato difficile creare un premio diverso da quelli già esistenti (vedere la domanda successiva per dettagli). Non potevo più sopportare di sentire artisti che si lamentavano della gestione dei premi e personalmente avevo voglia di conoscere più artisti. Ancora più importante, capivo che internet stava per cambiare ogni cosa. Con questo pensiero in testa decisi di basare il mio nuovo premio sulla partecipazione, sulla divulgazione globale delle opere e sulla loro promozione, concedendo inoltre agli artisti il compito fondamentale di decidere chi dovesse vincere i premi.

Parlo per me, (ma anche per molti altri artisti emergenti) quando dico che essere online o sui social network è molto importante. Questo mi fa essere anche un po’ timorosa all’idea di condividere il mio lavoro su internet e non a mio agio con l’autopromozione. Ci sono certi canali o strategie che consiglieresti o sconsiglieresti ad un artista giovane?

Penso che avere un buon rapporto con i social media e conoscere i diversi modi in cui è possibile divulgare il proprio lavoro su internet sia essenziale oggi. Naturalmente c’è sempre spazio per il genio e la fortuna, ma pensare che non ci sia bisogno di essere presenti on-line secondo me è sbagliato. Ciò non significa che devi essere ovunque e passare ore su internet per ottenere risultati. Piuttosto vorrei suggerire di riflettere su quali siano i punti forti e quelli deboli della propria capacità di comunicazione. Quindi collegare le qualità personali con i propri obiettivi. Ricercare i contatti utili a questo scopo, così come i luoghi più appropriati per esporre il proprio lavoro in base al contenuto; avvicinarsi con attenzione ai curatori d’arte e ai galleristi sulla base della vicinanza di interessi e valutare se essi possano essere davvero interessati ad investire il loro tempo su di te. Nel frattempo, si dovrebbe imparare a ‘mostrare il proprio lavoro’ nei social media, e questo dovrebbe essere fatto nella misura delle capacità personali. Per esempio, se piace scrivere, sarebbe bene concentrarsi su un blog o fare commenti testuali sul proprio lavoro e su quello degli altri. E’ importante per lo sviluppo della pratica ricevere un buon feedback e per raggiungere questo obiettivo è necessario essere i primi a mettersi a ‘parlare’, creando le occasioni per delle discussioni. Se invece ti piace fare video puoi preparare e pubblicare video che mettano in evidenza il contenuto del lavoro (ad esempio, documentazione delle mostre, delle persone, interviste estemporanee, discussioni sui dettagli, collegare il proprio lavoro con quello in eventi correlati, ecc…) senza essere noioso. Diventare un Vlogger o utilizzare il livestream può sembrare ambizioso, ma per qualcuno potrebbe funzionare. Questi sono alcuni dei modi in cui internet può essere utilizzato per essere riconosciuti ed andare avanti, ma si deve essere pronti a dedicarsi a questo tipo di lavoro, con tempo e pazienza.

Io non trovo ragionevole aspettarsi di ottenere interesse sul proprio lavoro se non si è disposti a pubblicarne le immagini. Non abbiate paura di essere ‘copiati’, questa è un’epoca eclettica, che vive rivisitando il passato ed il presente. E in ogni caso, se sei un artista ispirato non c’è bisogno di guardare dietro alle tue spalle, dato che sei sempre avanti! La maggior parte dei siti web consentono di pubblicare in bassa risoluzione, se credi che questo sia importante. Pubblicare nei social media i dettagli delle opere fornisce anche una base per la datazione lavoro che può essere utile in un tribunale se proprio vorrai perseguire nelle corti chi ti copia dei modi in cui internet può essere utilizzato per essere riconosciuti ed andare avanti, ma si deve essere pronti a dedicarsi a questo tipo di lavoro, con tempo e pazienza.

Secondo te, qual è lo sbaglio più grande che fanno gli artisti quando approcciano le gallerie o presentano le loro opere ad un premio?

Non valutare abbastanza la personalità del gallerista o se la propria opera è in linea con la direzione o gli interessi estetici della galleria. Conoscere queste cose e agire di conseguenza è fondamentale, nessuno vuole sprecare tempo. Suppongo che lo stesso si possa dire per le opere candidate ad un premio d’arte: spesso non si presta sufficiente attenzione agli interessi reali della giuria. C’è un percorso intelligente per comprendere quali potranno essere le nuove frontiere seguite dai giurati, è necessario analizzare i loro interessi informandosi sui temi indagati, gli artisti coinvolti, i media preferiti, l’approccio curatoriale, e vedere se il proprio lavoro coincide.

Nei 6 anni dopo il lancio del Celeste Network, e poi dopo il Premio Celeste nel 2009, hai notato l’emergere di tendenze o di temi particolari nelle opere o negli artisti che partecipano?

Sono sempre stupito dal modo rapido e tumultuoso in cui gli artisti si avvicinano ad un tema, gli approcci interessanti verso tutti i media artistici disponibili e la modalità in cui le opere sono presentate. Ciò è dovuto in parte all’enorme quantità di conoscenze e al facile accesso che gli artisti ora hanno alla documentazione e alle immagini. E, naturalmente, i progressi nella tecnologia aggiungono nuovi media e modi di esprimere se stessi. La rivoluzione nella manipolazione dei dati nel campo della fotografia sta per segnare la fine del fotografia come l’abbiamo conosciuta fino ad ora, e questo creerà una massiccia ondata di image-making a livelli e in modi ancora sconosciuti. In generale credo che gli artisti si stiano allontanando dagli approcci puramente estetici, risolti in un oggetto. Si muovono sia sull’idea che un artista debba lasciare una sorta di firma autoriale (riconoscibile) nel suo lavoro, sia su quella di un approccio più discorsivo e dialogante che spesso è direttamente collegato all’analisi delle questioni sociali e politiche. Di conseguenza vediamo molti lavori mediali o performativi, formati multi-disciplinari presentati come opera o come progetto, opere d’arte documentaristiche e pratiche partecipative.

C’è stata un’opera che ti ha veramente colpito da quando hai lanciato Celeste Network?

Some one to Love di Cristina Nunez, vincitrice del Celeste Prize 2012, categoria Video. http://www.celesteprize.com/artwork/ido:149467/

cristina.nunez

In cosa è diverso il Celeste Prize rispetto agli altri premi? Raccontaci qualcosa sulla filosofia e sulla motivazione del premio.

Celeste Prize combina in modo unico un processo di selezione a due livelli, che separa i ruoli e porta legittimità, trasparenza e partecipazione. In primo luogo, i curatori d’arte facenti parte della giuria selezionano gli artisti finalisti, garantendo con le loro scelte una selezione di qualità. Nella seconda fase, i curatori sono invitati a farsi da parte e gli artisti finalisti votano il premio in denaro. Questo può sembrare banale, ma i maggiori premi d’arte sono tradizionalmente associati ad una partecipazione solo su invito, mentre Celeste Prize è un invito aperto in cui gli artisti finalisti decidono i vincitori. Inoltre, i partecipanti sanno che il loro lavoro è sotto gli occhi dei talent scout ed è fortemente promosso in Celeste Network, una delle più grandi comunità online per gli artisti nel mondo.

Io (Sara) spesso sento dire dalla gente che non piace l’arte contemporanea. Come risponderesti ad un commento del genere? Qual’è l’importanza dell’arte contemporanea?

Senza l’arte contemporanea non abbiamo alcun senso visivo delle emozioni suscitate dai temi universali, né di come capire questi temi e noi stessi.

Come tutti gli altri movimenti, l’arte di oggi diventera’ storia dell’arte. Che cosa diranno di questo movimento? Quali saranno i nomi che saranno ricordati?

Ritengo che ci siano pochissimi movimenti artistici intesi come tali oggi, se per ‘movimento’ si intende un raggruppamento coordinato di individui che riflette nel proprio lavoro una visione comune dell’arte e dei suoi obiettivi. Assistiamo invece ad ampie fasce di persone che lavorano in modo indipendente come artisti ed in diversi media, tutti dialogando con soggetti diversi. Inoltre, faccio notare, ci sono molti artisti altamente considerati che hanno messo in primo piano le questioni sociali e politiche, spesso presentando il lavoro in forme statistiche, scritte, narrate o partecipatorie, che prestano molta poca attenzione allo sviluppo di una forma estetica contemporanea. Penso che qualsiasi opera d’arte prodotta meriti di essere ricordata. Sono fermamente convinto che nulla è inutile in quanto ha una sua ragione di essere. La difficoltà per gli amanti dell’arte è di essere in grado di connettersi ed apprezzare una particolare opera. Molte opere d’arte possono essere banali per molte (la maggior parte) persone (ma non per tutti). Proprio qui sta il guaio riguardo a ciò che resterà nella storia dell’arte: l’arte contemporanea rimane nei suoi gradi più alti un affare elitario di concetto, di pensiero, di comunità e di mercato (qualunque sia la qualità dell’opera d’arte).

Ci sono altri progetti o pensieri che vorresti condividere con il gruppo?

Per favore fatemi sapere qual è la vostra idea di premio d’arte ideale. Scrivetemi a steven@celesteprize.com